Cerca nel blog

lunedì 22 dicembre 2008

Recensione - SAN



SAN – DEMON
2008

1 A.A.A.
2 The Old Boy
3 Skies
4 Your Name
5 Overtime (Helicopter For Bastards)


Primo ep (o mini, chiamatelo come volete) per i pavesi San: Demon, un concentrato di 5 tracce per una durata totale di 29 minuti e 33 secondi.. E' un disco che si presenta elegante già dalla copertina, che “pesta” un sacco pur non cadendo in banalità, ne in un suono troppo grezzo. La musica dei SAN sicuramente si ispira ad artisti di oltreoceano come Deftones o Tool (se ascoltiamo Old Boy e Overtime possiamo trovare dei chiari riferimenti a questi ultimi), anche se il genere dei quattro pavesi è decisamente originale, sicuramente nato dall' ascolto di tantissima musica, ma che esce come qualcosa di nuovo, una ventata di aria fresca per il “piccolo” territorio di Pavia e per tutta italia in genere. I SAN ci trasportano, hanno grandissima esperienza e si sente, il cd è registrato e mixato in modo eccelso, loro sono dei musicisti molto in gamba: Una volta inserito il cd e schiacciato play sarete un po' come tramortiti dal primo pezzo, che inizia già cattivo (i suoni degli strumenti li definirei ENORMI), e verrete però cullati dalla voce, melodica ma che a sprazzi sa diventare incazzata all' inverosimile e “farvi uscire dalla culla”..
Una cosa che ho apprezzato di questo disco e che apprezzo dei SAN come gruppo è l' umiltà della loro musica, che considero molto vera, molto Rock n Roll, loro sono così, non sono di quelli che sperimentano tanto per fare e sentirsi dare il titolaccio di “alternativi”, loro hanno voglia di spaccare e ce la fanno.. cristo se ce la fanno!! E tutto questo si sente nel disco.. che seppur registrato benissimo non si abbassa a certi tecnicismi che nascondono la loro vera natura, loro sono così, nel cd come dal vivo: incazzati, che hanno voglia di fare buona musica, che riescono a farla.
Un' altra cosa positiva è la stesura dei testi, abbastanza pesantucci a livello contenuti, ma molto sinceri (li potete trovare nel booklet del cd).
Che altro dire, il disco fila.. Non mi metto a fare analisi separate delle diverse canzoni perché alla fine è un disco che deve essere ascoltato tutto di un fiato, godersi quella mezzora di sano rock che ti fa vibrare un po' i coni delle casse del tuo stereo, è un disco che quando ce l' hai lo metti in repeat perché fa piacere ascoltarlo, è un signor disco.. Io promuovo a pieni voti i SAN e spero che con la loro musica possano arrivare in alto. Bravi bravi bravi.. in ognuna delle vostre autoradio dovrebbe essercene una copia (sempre che i coni reggano e che non siate deboli di cuore..).
Tanti saluti!

VOTO: 90/100

Marco “Zollaw” Gallo


http://www.myspace.com/san4music



Trovi questa recensione anche su OkMusik.com

Nessun commento: